Cerca

Difendersi non può essere reato!



Non è la prima volta che Mario Roggero, gioielliere di Grinzane Cavour nel Cuneese, subisce una rapina, già nel 2015 lui e la sua famiglia furono malmenati, legati e derubati di centinaia di migliaia di euro in refurtiva, questa volta Mario ha avuto la forza e la possibilità di reagire per difendere sé stesso e la sua famiglia, e lo ha fatto, sparando alcuni colpi di pistola legalmente detenuta, ferendo due dei malviventi e mettendo in fuga il terzo.


Sicuramente non un lieto fine per chi ha vissuto un evento così drammatico e che ora rischia pure di vedersi sottratta la libertà. In un Paese normale una persona che lavora dovrebbe ricevere delle tutele e dovrebbe avere il diritto di salvaguardare la propria sicurezza, ma in questa Italia del politicamente corretto alcuni vorrebbero trasformare le vittime in carnefici e viceversa; così per l’ennesima volta ci troviamo ad assistere ad una situazione di questo tipo. Ovviamente è sempre tragica la perdita di una vita umana, ma i due rapinatori deceduti non sono vittime di Mario, sono morti solo a causa delle loro scelte sbagliate di vita, avessero scelto una vita normale fatta di lavoro e sacrifici ora sarebbero a casa con le loro famiglie, e anche Mario sarebbe sereno e non dovrebbe affrontare questo calvario.


Noi ci stringiamo a Mario e alla sua famiglia, rivendichiamo il diritto a difenderci, e ribadiamo che chiunque scelga la criminalità lo fa assumendosene i rischi.

Anche tu puoi dimostrare la tua vicinanza partecipando alla raccolta fondi organizzata da Andrea Revel e dal Comitato DLPA, basta davvero poco, il prezzo di un caffè, per fare la differenza e dimostrare a Mario che noi siamo con lui. I soldi saranno totalmente devoluti alla famiglia Roggero per le inevitabili spese legali che si troverà ad affrontare.

Noi siamo con Mario #IostoconRoggero


Questo è link per partecipare alla raccolta fondi https://sostieni.link/28752

Conto su di voi!

161 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti